Black sun

BROKEN HEARTED SOUL – L’ANIMA DAL CUORE SPEZZATO

Non posso credere di essere crollato sulle ginocchia.
Mi hai costretto a supplicarti,
ma ci doveva pur essere un altro modo.
Il mio petto è in frantumi e mi fa male. Non riesco a respirare.
Lo sguardo è fisso sui polsi.
Devo insistere perché mi parli.
Perché non vuoi parlarmi?
Quando mai ho voluto essere solo?
Quando mai ho voluto congelare?
Non posso credere che sia finita!
Questo è il battito della mia anima dal cuore spezzato.
Non posso credere di essere finito in questo fosso.
Che debba sempre pagare un tributo per aver trovato una via verso di te.
Non importa se ti ho allontanata quando volevi restare.
Devo trovare un modo perché mi parli.
Non andartene, ti prego!
Non posso vivere senza di te.
Devo trovare un modo, perché per me sei tutto.
Non lo capisci?
Non osare andartene! Questa non può essere la fine!
Sei la mia salvatrice e il mio amore.
Sei la mia musa e la mia migliore amica.
Non sorriderò mai più. Non mi sentirò più amato.
Non puoi farmi questo!
Ascolta quello che ti dico! Ti prego, parlami!
Non vuoi parlarmi mai più?

FAULTY INFORMATION – INFORMAZIONE IMPRECISA

Questo è tutto quello che sono.
Ciò che puoi avere è quello che vedi.
Smettila di fingere che io abbia ricavato la verità dalla fantasia!
E’ ovvio che non capisci che cosa potrebbe far diventare un idiota come me, un uomo.
Ti amo davvero!
Ho davvero bisogno di te!
Voglio tenerti al mio fianco, ma voglio anche ferirti.
Voglio farti sanguinare.
Non sono mai felice, ma so che per questo avevi la chiave.
Ti abbraccerò. Ti bacerò e questo non mi renderà le cose più facili.
Non ho mai detto che non mi manchi,
ma è una cosa che mi ripeto tutti i giorni.
Dopotutto si trattava di te. Questa è l’unica spiegazione.
Sul tuo treno dei pensieri deragliato hai tutto ciò che ti serve.
Allora cerca di capire!
Hai sbagliato per tutto questo tempo!
Era solo un’informazione imprecisa
e non ti sei mai data una possibilità.
Era l’occasione di vivere la tua vita con amore.
L’onestà è falsa, come tutto ciò che hai.
Ogni volta che mi sono dato retta, ci ho provato con tutte le forze,
ma era così difficile fermarti.
Alla fine non m’importa. Non me ne importa nulla.
Niente poteva essere così sgradevole,
come quando te ne stavi lì con le tue stronzate.
Non voglio essere il cattivo ragazzo che vive un’orribile bugia.
Renderebbe tutto peggiore.
Non avrei dovuto allettare i tuoi desideri,
anche se me ne ero già andato.
Ma ti desideravo.
Tu te la passavi meglio, lo sai.
Io la vivevo male, eppure non potevo farla finita.
So che non ne valeva la pena,
ma cazzo, poteva essere più assurdo di così?
Ho solo voluto fare un tentativo.

THE FIRST STEP – IL PRIMO PASSO

Le parole si agitano e turbinano dentro di me.
Creano strappi e mi bruciano dentro,
ma un poeta muore proprio quando vuole vivere
e sceglie di essere libero.
Non potrei essere in condizioni peggiori.
Non saprei ricordare un momento più difficile di questo.
Tu non vuoi vedermi e io esco ed entro dalla mia mente.
Possiamo essere soltanto quelli che tutti si aspettavano che fossimo.
Ho la tendenza a respingere le persone,
ma sai che non direi mai una parola contro quelli che voglio proteggere.
Ho la tendenza a correggere le persone.
I pensieri nella tua testa invece sono come paralizzati.
Ritira quello che hai detto
o stanotte il colore del vuoto dipingerà la tua anima!
Ricordo ogni momento. Ricordo tutti i tuoi giochetti.
La mia ispirazione se ne è andata lo stesso giorno in cui è arrivata.

PUSH – SPINGERE

Papà, dove vanno tutte le persone?
Mamma, non mi dirai quello che sai?
Hanno sorrisi infidi quando ti mentono.
Sono come segreti senza importanza, glorificati e falsi.
Non posso spingerli via.
Ogni minuto di ogni giorno dobbiamo trovare il tempo
di costringere queste persone a fare quello che dicono.
Mi dispiace! Ho inseguito la verità da solo
e forse potrei anche scagliare una pietra.
Sembra sempre tutto uguale.
Gli istinti basilari guariscono grazie ai lati peggiori dell’uomo.
Ascoltate! Non possiamo farcela!
Non possiamo farci vedere da loro nella luce.

DON’T TURN AWAY – NON SCAPPARE

Sono sotto il sole.
Sotto ali di angeli caduti.
Non posso credere alle cose che mi hai mostrato!
Nei miei sogni camminavi al mio fianco.
L’amore se ne è andato per sempre.
Cadrò impotente in un fosso e se mi lascerai così svuotato,
come potrò descriverti il mondo di cui ho bisogno?
Nei tuoi occhi posso leggere cos’è accaduto.
I colori sono evaporati come acqua.
Tutto si è allontanato fino a svanire e non possiamo farci nulla.
Non scappare! Non lasciare che ti vinca!
Non puoi arrenderti!
Nei tuoi occhi colgo il sottile bagliore di un paradiso che ci chiama.
Cerchi di aggrappartici,
ma non puoi porre fine a ciò che non è mai iniziato.
Io sono fuggito e ti ho lasciata esattamente dov’eri.
Non mi sono mai pentito di tutto quello che ti hi detto,
ma tu sei riuscita a non scappare.

LOST ALONG THE WAY – PERSO LUNGO LA STRADA

Se tu ed io siamo fatti per stare insieme,
non puoi mettere alla prova la mia sanità mentale.
Hai posto lenti correttive al mio cervello,
che hanno rimescolato i miei pensieri cosicchè io potessi capire.
E’ tutta una questione di chi ha ragione e chi ha torto.
Di stabilire chi ha usato le parole più aggressive.
Ci sono mille modi per soffocare la luce
e la frustrazione avrà il sopravvento.
Troppe immagini tutte in una volta!
Troppe ombre nella pioggia!
Riesco a vedere una crepa sul sole quando ti chiamo per nome.
E’ tutto. E’ tutto quello che hai voluto,
ma cosa accadrà se ciò che avevamo si è perso lungo la strada?
E’ tutto. E’ tutto quello che ti serviva.
Nel frattempo cercherò di recuperare ciò che abbiamo perso lungo la strada.
Dovrei voltarmi e andarmene,
proprio adesso che potrei trovare altri frammenti più avanti?
Troppe sensazioni nel mio cuore!
Cerco di ricordare che cosa hai detto.
Ho provato ad essere in sintonia con te.
Ho provato a dare forma ai tuoi sogni,
ma tu non mi hai permesso di guidarti
e la frustrazione avrà il sopravvento.

I BELIEVE AGAIN – CREDO ANCORA

Hai aperto una porta e mi hai svelato una luce lontana,
con occhi incantevoli che mostravano il mondo in grigio e nero.
Gli abbracci romantici erano destinati a svuotare il mio cuore.
Una gioia creativa. Un amore vitale fin dall’inizio.
Credo in un mondo che possa portarti in alto.
Credo nel pensiero di poter toccare il cielo.
Credo nella pace e nell’armonia.
Credo che tu sia mia.
Come in una mente collettiva, ho sottostimato il potere del sole
su ogni luogo, su ogni cosa e su ognuno di noi.
Per raggiungere obbiettivi semantici ho trascurato la semplice verità
e ho barattato le mie paure e le mie ferite con la giovinezza.
Se solo potessi occuparmi di te ogni giorno!
Potrei intraprendere una missione più ampia.
So che per entrambi è difficile ammetterlo,
ma i cocci possono essere rimessi insieme.

WASTE OF SPACE – SPRECO DI SPAZIO

“Ragazzi, voglio davvero stampare il vostro album con la mia casa discografica!
So bene da dove venite e non farei mai nulla per danneggiare la vostra carriera.
Investiremo perecchio denaro su di voi, ragazzi!”
Tra noi non poteva proprio funzionare!
Ho impiegato un anno per capire fino a che punto mi avevi mentito
e non avevo mai creduto che fossi tanto pazzo.
Devi esserti raccontato un migliaio di volte che la colpa era mia.
In ogni tuo pensiero. Con ogni tua parola.
Ho dovuto smantellare ogni pezzo di merda di tutto quello che mi hai raccontato
e la cosa non poteva colpirmi in un momento migliore.
Sei in cima alla mia lista dei ricercati.
Sei uno spreco di spazio!
Io non ti avrei mai abbandonato in una situazione così difficile.
Tutti sanno quanto sono state fumose le tue iniziative su di me.
“Non riesco a capire cosa sia successo.
Ho personalmente depositato il denaro sul vostro conto.
Deve essere lì per forza! Potete ricontrollare?
Dovrebbe volerci un minuto o due per il versamento”.
Non era per niente divertente, ma penso che avrei dovuto ridere.
Quel piccolo granello di speranza che avevo dentro l’hai spezzato in due.
Non era completamente distrutto, ma era impossibile ricomporlo.
Non riusciresti a dire la verità nemmeno se Superman ti mostrasse come fare.
Sono così dannatamente arrabbiato ora,
ma non dovrei darti tutto questo peso.
Il passato diventerà domani e trasformerà il tuo ricordo in polvere.
Mi piace il modo in cui suona. Mi piace immaginarlo.
Dovrei stare lontano da quelli che ti fottono.
Stavo male. Mi sono addormentato per dimenticare il dispiacere.
Non c’era più ragione di tentare.
Dopo aver affrontato le cose con una spinta che doveva solo essere alimentata,
pensavo di poter toccare il cielo, ma poi tu mi hai mentito.
Oh sì, hai mentito!
Ma perché lo hai fatto?
“Ehi ragazzi. Sono io. Sembra che i nostri finanziatori si siano tirati indietro.
So che avremmo già dovuto far uscire il vostro disco,
ma credo che le cose ora stiano così”.

GENOCIDE – GENOCIDIO

Può essere che non sia mai successo?
Può essere che io non fossi là?
Giuro di avere gli occhi spalancati, ma non c’è nulla da vedere.
Ricordo la gente che moriva
e che guardava il cielo con lo sguardo vuoto.
Ero impassibile e concentrato.
Mi spostavo per passargli accanto.
Ero freddo come acciaio e sotto la mia pelle spaccata sanguinavo.
Ero costretto ad assistere a devastazioni e omicidi. A un genocidio.
Il mio riflesso a volte mi ricorda che sono nato simile a loro.
Tecnicamente sono migliorato, dicono,
ma la mia esistenza è lacerata dalle loro menti
e non sanno quanto è grande l’odio che provo.
Non sanno in che modo mi striscia dentro.
Ho paura delle pareti intorno a me.
Ho paura, ma non posso nascondermi.
C’è una ragione per cui vi ho incontrato ed è per mostrarvi come morire.
Perché possa semplificare le mie connessioni sbagliate
e possa disconnettermi quando mi mento.
Ci sono conflitti tutto intorno a noi.
Ci sono conflitti nel mio spirito.
Mettiamo fine a ciò che è iniziato,
perché io riprovi il desiderio di ricoprire il mio ruolo!

A POET’S DREAM – IL SOGNO DI UN POETA

Posso parlarti del colore del cielo,
sotto cui siamo inondati di rosso e divisi dal sole.
Mi sono abbandonato al momento e ho capito il perché.
Ho cercato di trattenerlo, ma alla fine ho lasciato che volasse via.
Ora solo il futuro mi sembra chiaro.
Un’entità sconosciuta con cui essere in pace.
Non posso continuare a credere negli echi della pioggia battente.
Il tempo scorre e non importa cosa facciamo.
Non si possono cancellare i muri intorno al sogno di un poeta.
Pensieri luminosi e infranti si sono seduti da soli e hanno smarrito la via.
Le mani protese tutt’intorno a noi distorcono la carità.
Le cascate non si affidano più all’aria e gli uccelli volano al contrario.
La natura si è confusa a proposito dei propri compiti in un solo giorno.
Le nostre convinzioni errate non possono correggere quello che abbiamo visto.
Per me e per te è tutto una menzogna.
Non potevo non intervenire,
ma senza il perdono del mondo non posso essere riportato alla vita.
Per sempre vedrò nell’inverno l’estate in lontananza.
Un’estate di sussurri nella luce.

EASIER THAN THIS – PIU’ FACILE DI COSI’

Sotto un albero Bodhi, ti ho vista accanto a me.
Chiudi gli occhi e guardati dentro!
Oggi il cielo è pieno di nubi.
Mi sembrava di andare alla deriva, liberi dalle ferite e dai peccati.
Le isole dei fallimenti si capovolgono e ti riportano coi piedi per terra,
perché il sole vive dentro di te e brucia quando rimani solo.
All’esterno del portone del tempio qualcosa di eterno ci aspetta.
Senza fine. Indecifrabile.
Come fossi immobile nel tempo, cadi giù dalla sommità del muro più alto
e cerchi di arrampicarti sulla (parete della) vita per quanto riesci.
Con follia e coraggio devo trovare me stesso, ma mi sento cieco.
Non riesco a sognare il passato e tutto ciò che vedo mi ricorda chi eri.
Il giorno in cui sei venuta da me e non trovavo le parole.
Non avrebbe potuto essere più facile di così.
Era davvero troppo facile per me.
Sotto questa pioggia battente trascino una catena spezzata,
avvelenato e in guerra per la mia anima.
Più leggera e tenuta sotto ipnosi, la mia rabbia è esorcizzata
e lentamente il mio cuore è diventato un pezzo di carbone.
Non posso rifiutarmi. Non posso arrendermi.
Non posso andarmene dalla situazione in cui sono.
Non so come dovrebbero essere le cose ora, ma non sarà come volevi tu.
Non riesco proprio a credere in me stesso.

Lascia un commento