Last of the stories of long past glories

COMING UP ROSES – SARA’ ROSE E FIORI

Tutto sarà rose e fiori
e nevicherà sempre in Giugno.
Il soffitto si distorce e geme
e non c’è nulla che non va in me?!
Sorrido se fa male, ma mi sta facendo a pezzi.
Mi frantuma il cuore,
ma sono contento se mi purifica da te.
Non c’è un “noi” di cui parlare.
Non c’è mai stato.
Mi priva del mio audace modo di propormi.
Ti piacerei di più se le mie labbra fossero fredde?
La speranza è una puttana che genera mostri
nel sottobosco del mio sonno
e mi nutre di bugie a cui aggrapparmi.
E non c’è nulla che non vada in me?!
Sono sempre meno,
sotto la delicata frantumazione degli anni che passano. 

ICE CUBE SUN – IL SOLE COME UN CUBETTO DI GHIACCIO

Non sono sicuro di volermi fermare,
ma so che dovrei.
Scivolare verso il basso è ora più facile
di quanto avrei mai pensato.
Sono impigliato tra queste radici d’assenzio,
che mi fanno percepire tutto ciò che vedo
come attraversato da ombre verdi
ed è così meraviglioso!
Ti sciogli sulla mia lingua
come un cubetto di ghiaccio nel sole,
ma i tuoi piedi si raffreddano lungo il cammino
e piovi su di me e sulla mia sfilata.
Mi aggrappo alla mia innocenza
finché non mi sanguinano le dita.
Lasciarsi andare è adesso più probabile che mai prima d’ora.
Splendi come il sole su questa folla senza volto
e immediatamente ti riconosco come uno di quelli
che toccandomi mi farebbe paura.

FEARLESS UNDER THE FALLING SKY – SENZA PAURA SOTTO IL CIELO CHE CROLLA

Il posacenere trabocca.
Pozze di vino rovesciato.
La colazione con caffè nero e cinque sigarette.
E’ così che ho deciso di trascorrere il mio tempo.
Sento che mi si sta insinuando lentamente sotto la pelle
con gambe d’insetti così sottili.
Non ho più paura ora.
Il cielo è crollato così tante volte.
Non ti serve chiedermi come mi sento.
Usa gli occhi!
Non ti serve chiedermi se sei il benvenuto.
Ti piacerebbe se ti mandassi via?
Quello che sono oggi è il prezzo che devo pagare
per aver voluto ottenere più del tutto.
Le scelte che ho fatto a volte mi portano all’odio
e tutto ciò che ho dentro è una fogna.
Il canale di scolo delle speranze perdute.

TO THE ONE FAR AWAY – ALLA PERSONA LONTANA

Questo è ciò che ti ho promesso
quando ti passavo le dita tra i capelli,
mentre dormivi con la testa sul mio grembo.
Ricordi quando ti dissi
che nessuno mi avrebbe impedito di raggiungerti?
Nessuno tranne te.
Mi chiesi: “Perché te ne vai? Perché fare una cosa simile?”
Non volli spiegartelo e me ne andai.
Ero così spaventato di perderti e di lasciarti.
Ero così spaventato di rinunciare a ciò che avevo di più caro.
I nostri giorni sono sempre stati contati
sin dalla prima volta che ci siamo incontrati.
E’ per questo che è stata così intensa
e ogni istante ha avuto la sua importanza.
Sai che credevo in ciò che dicevo.
Avrei camminato sulle acque per te.
Tutto ciò che avevo sempre voluto, in te l’avevo trovato.
Questo è il modo che ho scelto
per farti sapere che era tutto perfetto
e che è ancora così dolceamaro, ma incredibile.
Mi manchi così tanto!
Mi manchi?
La nostalgia non aiuta mai.
Mi manchi così tanto!
Mi manchi?
La nostalgia non mi porterà mai da nessuna parte.

UNREVEALED – SEGRETE

Vieni a immergerti nella mia eloquenza!
Lascia che la bugia ti sommerga!
Certe cose è meglio lasciarle segrete.
Dovevi per forza essere tu?
So cosa voglio e so cosa ho
e so che non ho ciò che voglio.
Mi pensi mai?
Stai scavando dentro di me
e sei dove sei sempre stata.
Mi fai accapponare la pelle 
mentre ti ci infili sotto.
Erano soltanto piccoli sogni, 
ma erano i miei sogni.
Per vivere ingoio sostanze chimiche
che inducono a una felicità forzata.

MY SWEET NOTHING – IL MIO DOLCE NULLA

Ti addormenti mentre ti sussurro le mie storie,
poi ti lascio lì.
Cinque piani mi mettono fretta.
Quando me ne sarò andato
non ti ricorderai di me comunque.
Senti il freddo?
Chi ha lasciato la finestra aperta?
Ti agiti nel sonno 
e pigramente ti chiedi dove sono finito.
O forse era solo un sogno?
Quando me ne sarò andato
non ti ricorderai di me comunque
e nelle strade il rumore si sta smorzando.
Quando mi sveglio è ancora buio.
O è già buio?
In questo abbraccio auto-ingannevole
so che non ti dimenticherò mai.
Al mattino è tutto ripulito
e ricoperto da una soffice nevicata.
Quando me ne sarò andato
non ti ricorderai di me comunque
e tutto ciò che è perduto lo sarà per sempre.

FUCKING FRAGILE – MALEDETTAMENTE FRAGILE

Sono ancora qui, nonostante me stesso
e tutto ciò che ho fatto non ha trovato una sola via d’uscita.
Nella mia stanza le pareti mi si chiudono addosso
o così sembra se le fisso abbastanza a lungo.
Voglio fuggire!
Non so più cosa credere.
Come ci si sente a sapere che ora so?
A scoprire che dopotutto sei solo umano?
Mi sarei opposto al mondo con una mano soltanto
se avessi dovuto,
ma quando sono con te sono così fragile.
Così maledettamente fragile!
E a volte la mia sofferenza mi fa venir voglia di sorridere.
E’ il modo in cui ho gettato via la chiave.
Poi, ancora, diventa affascinante la fuga.
Qual è il senso di riempirsi di vino tra macerie fumanti?

INNOCENCE, IN A SENSE – INNOCENZA, PER COSI’ DIRE

Chiudo gli occhi
e i sogni già prendono forma
come un amico fidato al mio fianco.
E’ sempre lì, ma oltre la mia portata.
Interminabili conversazioni
che faccio soltanto con me stesso.
Candele accese sotto la pioggia battente.
Tutto ciò che chiedo è un po’ di pace mentale.
Di riflesso migliaia di cose sono andate male.
Ci arrampichiamo su ogni parola detta
per trovare a tutto una sua collocazione.
E’ lei la benzina versata sulle fiamme
che mi arroventano ogni giorno,
ma non posso lasciare che la mia vita
venga dominata da paure e bugie,
quando tutto ciò che ora ho sono io.
L’innocenza dipende da te.
E’ il modo in cui scegli di trattarla.
L’innocenza dipende da te.
Puoi evitare che si smarrisca.

COMPLETELY INCOMPLETE – TOTALMENTE INCOMPLETO

Oh, come sboccia la rosa 
con le radici saldamente ancorate al letame!
Ero davvero io a lanciare sassi
su una casa fatta di vetro? Possibile?
Te ne vai? Allora vattene!
Ti sei presa tutto.
Perché non sono io quello che crollerà
o onestamente è ciò che pensavo.
Perché adesso vedremo quanto sono forte.
Adesso vedremo quanto resisterò.
Quanto è bello sapere che non sono più sulla vetta!
L’ho superata e aspetto di toccare terra.
Ma non è la caduta che fa male, questo lo sai.
E’ ciò che viene dopo.

Lascia un commento