Plagues of Babylon

PLAGUES OF BABYLON – LE PIAGHE DI BABILONIA

Stiamo qui ad aspettare e il tempo si avvicina.
La crisi della Terra è fin troppo chiara.
Il virus umano ha iniziato a svegliarsi
e dobbiamo manipolarlo.
Non possiamo accettare la minaccia rappresentata dall’Uomo.
La struttura del potere è ancora intatta.
Come déi sulla Terra li abbandoneremo.
Dobbiamo rilasciare la piaga.
Se allora vi chiederete perché,
siete ciechi di fronte alla tempesta che si scatena.
Purificheranno la Terra dall’umanità?
Libereremo le piaghe di Babilonia.
Osservanza.
Sottomissione.
Codardi! Smarrirete la via.
Traditori! Bugiardi!
Chi inganna ha il suo destino.
“E questa sarà la piaga che gli déi getteranno sulle genti
che dichiarano loro guerra.
La loro carne imputridirà quando ancora sono in piedi
e gli occhi marciranno nelle loro orbite
e la lingua si decomporrà nelle loro bocche”.
Non c’è soluzione.
Si nutrono dalle nostre mani.
I nostri seguaci cospirano mentre loro fanno resistenza.
Come déi sulla Terra l’avevamo previsto.
Faremo sanguinare i popoli.

DEMOCIDE – DEMOCIDIO*

Questa è blasfemia! Perché non lo capite?
I loro crimini sono chiarissimi.
Regna l’inganno e vivete in catene.
Non proverete sensazioni ancora a lungo.
Nei vostri occhi non c’è vita.
Siete soltanto carne e sangue.
Teste fluoridriche, come morti viventi.
Nessuno sforzo per restare vivi.
Le nostre menti sono stordite
e i nostri corpi hanno il sopravvento.
Ci hanno abbattuti con pane e circensi.
Questo è il nostro destino,
partorito dal credo del loro maestro.
Un feroce disegno per la macellazione delle masse.
Loro piazzano la trappola e voi cogliete l’esca.
Vi ammalate e vi vaccinano.
Creano paura e creano sofferenza.
Regneranno nel caos.
Vomitano bugie dietro sottili facciate
per dissimulare le loro vere intenzioni.
Depopolano con rabbia misurata,
poiché la pazienza alimenta la vendetta.
Regneremo tra le ombre,
fomentando il tradimento.
Involucri corrotti e senz’anima,
non interrogatevi sulle nostre ragioni!
E’ evidente nella storia il raccolto della morte.
Il gregge fiducioso non impara mai.
Semplicemente ripete il test.
Nei vostri occhi non c’è vita.
Siete gusci vuoti.
Teste fluoridriche, come morti viventi.
Vittime del democidio.

Note: *(Uccisione del popolo da parte di un governo)

THE CULLING – LA DECIMAZIONE

Li getteremo nei pozzi dell’inferno.
Tagliate le ali agli angeli e vedrete come cadono,
precipitando nel silenzio!
Il sole oscurato provocherà antiche maree.
Le montagne crolleranno e vedremo gli oceani prosciugarsi.
L’alba della fine si avvicina.
Il tempo e lo spazio chiamano i dannati prescelti.
Come semidei governeremo la terra
e le nostre ombre genereranno la tenebra.
I cieli del serpente concepiranno l’oracolo del tempo
e un futuro buio li renderà prigionieri nella loro mente.
Il nostro potere determina l’oscurità.
Separeremo i deboli dai forti per schiavizzare le masse.
La nostra tempesta si abbatte
e vedrete le ere concludersi,
finché la decimazione sarà terminata.
Raccogliete i loro corpi!
Li uccideremo tutti.
Questa divisione tra fazioni perverse consentirà il nostro piano.
Il cielo trema.
Assedieremo la Terra e l’Uomo.
Seguiteci fino alla fine!

AMONG THE LIVING DEAD – IN MEZZO AI MORTI VIVENTI

Come promesso,
il patogeno viene rilasciato su di loro
e la creazione è fuori controllo.
Tornano in vita
e la loro fame è insaziabile.
La carne placherà il loro dolore.
Non ci prenderanno mai!
Il nostro numero è troppo grande.
Non arriveranno a vedere la luce del giorno.
Ondate di non-morti imperversano,
risucchiando la vita lungo il loro cammino
e diffondendo morte e disgustoso decadimento.
Nel buio i loro lamenti sarà tutto ciò che sentiremo
e, anche se sorgerà il sole, non se ne andranno mai.
Verranno, in una malvagia processione.
Ci travolgeranno tutti e cadremo.
Quando ci rialzeremo,
una creazione terrificante avrà reso i morti suoi schiavi e pedine.
Si sono costituiti un esercito,
irrazionale, vuoto e violento,
che abbatte ogni opposizione e l’annuncio della resistenza.
Un esercito di morti che vaga.
La piaga si diffonde sulla terra,
creata dalle mani dell’Uomo.
I corpi vengono fatti a brandelli e il puzzo ci nausea,
in mezzo ai morti viventi.

RESISTANCE – RESISTENZA

Sarete sulle ginocchia quando vi troveremo.
Vi staneremo, covo di ladri a cui abbiamo ceduto.
Siete stati avvisati, orda senza cervello.
Noi non esiteremo.
Pensate di essere come déi sulla Terra,
ma distruggeremo il vostro altare.
Non è più tempo di giustificarsi o di trovare una ragione.
Sopravviveremo e sconfiggeremo questo eclatante tradimento.
Siamo forti. Resteremo a testa alta e affronteremo il giudizio.
Siamo vivi e sopravviveremo a questa corruzione.
Fate un bel respiro, venti della libertà!
Diffondetevi come fuoco nelle menti dei fratelli!
Amate i caduti e opponetevi ai tiranni!
Affrontate la sfida e non vacillerete mai!
Pensano che sia finita.
La vittoria è imminente (e crolleranno).
Al sicuro nell’illusione la loro ragione resta impunita
e così i loro atroci crimini contro i loro simili.
Ci hanno soppressi e schiavizzati
con l’obiettivo di una morte definitiva.
Ma ci ribelleremo e resisteremo!
Pensavate di aver vinto?
Siamo stati sopraffatti, ma ci siamo rialzati.
Non potete negarlo.
La vostra cappa di menzogne non è più celata.
State per cedere e il vostro inganno è svelato.
Vi impiccheremo. Morirete tutti.
Compiamo la nostra vendetta!

THE END? – E’ FINITA?

Quando osserviamo il futuro nell’incertezza,
il sorgere dell’alba rivela l’imminente estasi.
I giorni più bui sembrano essere alle spalle
e siamo fieri e in piena ribellione.
Il tanfo della morte è marcato per i cadaveri in putrefazione.
Il destino è oscuro.
Abbiamo smarrito la via?
Avanti! Scaleremo la montagna.
Siamo concentrati su questo cammino di luce interiore.
Salvezza. Cantiamo al sole.
Siamo più vicini, impavidi verso la fine.
Diamo fuoco ai morti e ne osserviamo le ceneri in fiamme.
Sradicheremo questo morbo e riconquisteremo la Terra.
I corpi sono stati purificati e la nostra terra è libera dall’incubo.
Siamo rimasti in piedi con quelli davvero consapevoli.
Siamo sopravvissuti. E’ realmente finita?
Ci siamo arrampicati sul filo della vita umana.
E’ soltanto un’illusione nella nostra mente
o la piaga tornerà col tempo?
Siamo sopravvissuti per scoprire una nuova vita
o la rabbia ci reclamerà tutti,
essendosi sfamata col nostro desiderio di farla finita?
Tutto sembra essere perfetto e surreale.
Non aiuta, ma ci chiediamo se sia la fine.
Ci guardiamo intorno. La paranoia aumenta.
Siamo al sicuro? Soltanto il tempo lo dirà.
Ci sentiamo irrequieti.
Vagabondi vagano ovunque.
E’ l’indomani della loro globale purificazione.
Siamo sopravvissuti al tentativo di un genocidio di massa.
E’ finita?
Siamo spinti verso una terra promessa ripulita.
Cerchiamo una vita dove l’oscurità si fa da parte.
Questo orizzonte ci condurrà alla libertà,
nel ricordo delle piaghe e della morte ormai alle spalle.

IF I COULD SEE YOU – SE POTESSI RIVEDERTI

Dove devo guardare?
Tu vivi lontana e io soffro in silenzio.
Molto ho imparato sulla vita oggi,
ma ancora ho bisogno della tua guida.
Hai sempre trovato le parole giuste
per calmare la mia mente agitata.
Ora che non ci sei più mi sento solo.
Se potessi rivederti ancora una volta!
Se potessi rivederti ora,
mi aiuteresti a trovare la mia strada.
Dove devo guardare?
Vivi lontana e a me servono le tue sagge parole.
A volte sono perso e arrabbiato
e do le cose per scontate.
Tu eri quella che ci credeva
quando nessun altro lo faceva.
Se potessi condividere i miei pensieri!
Se potessi rivederti un’ultima volta!
Se potessi rivederti ora,
mi aiuteresti a trovare la mia strada.
In qualche modo troverei la forza
e mi batterei per cogliere l’occasione.

CTHULHU – CTHULHU*

L’aria è pesante tra l’oceano e la foschia dei boschi.
Il nero oceano ci sta chiamando
e le nostre menti vengono attratte dall’eterna tempesta dell’odio.
L’essere grida il proprio nome e ulula per avere di più.
Questa creatura partoriente si trascina a riva.
L’anima oscura degli déi antichi
genera il male dagli abissi dell’oceano.
La creatura mutante inganna il genere umano
per manipolare questo mondo.
Gli uomini sono ipnotizzati.
Siamo paralizzati.
Siamo i seguaci del grande disegno
e il male scende nelle menti inconsapevoli.
Sono stati allestiti eserciti per il prescelto.
Per dominare il mondo.
Il nostro futuro affonda.
L’oscuro viene incoronato.
Siamo come granelli delle sabbie del tempo.
Raccoglie il potere dal passaggio delle maree
e presto sorgerà per prosciugare la vita e l’aria,
gettando l’Uomo nella disperazione.
Sono le iscrizioni sui muri.
Ascoltate il richiamo di Cthulhu!
Vedrete le visioni sgranarsi
e il demone mutaforma lancerà malefici sull’umanità.
Una fenice di morte che risorge,
corrotta dal suo orribile ed esecrabile sguardo.
La coscienza viene meno.
Siamo annebbiati dalla sua aria salmastra
che maledice il nostro spirito.
Guardate tutti Cthulhu che sorge
e che assume la sua forma dagli abissi dell’oceano!
I suoi tentacoli si serrano in una potente morsa
e noi ne siamo tentati. Ammaliati dal male.
Sputando rabbia sul terreno
ci sottomettiamo alla specie delle creature.
Un semidio regna in tutto il suo potere
e noi siamo distorti, feriti e lacerati.
La sua era ci ha raggiunto.
L’oscuro è stato incoronato.

Note: *(Creatura semidivina creata da H.P. Lovecraft)

PEACEMAKER – PACIFICATORE*

Il sole tramonta e avanzo con un revolver al fianco.
So che stanotte sopravviverò.
Come polvere nel vento sono instancabile
e troverò l’uomo che ha peccato.
La morte mi grava sulla mente.
Le ferite guariranno col tempo.
La mia forza prevarrà su questa battaglia.
Il sole comincia a sorgere.
Sono giunto in città con l’arma carica.
Il mio volto è ustionato e sono in fuga.
Questa maledetta città non mi guarderà negli occhi.
Mi siedo in un pub locale,
dove un uomo suona un piano scordato.
Un bicchiere di whisky scaccerà il dolore.
Alzo il capo. L’uomo mi fissa.
Digrigno i denti. Il mio cuore batte rapidamente.
Faccio la mia mossa perché per lui è venuto il momento di pagare.
Si alza e cerca di dileguarsi come un fantasma.
Lo seguo veloce. Non posso esitare.
Il dito sul grilletto mi dice che sta per morire.
Sparo. Deve pagarne il prezzo.
Quest’uomo è morto, ma molti altri devono morire.
Sono legittimato. Bisogna pareggiare i conti.
Non mi porteranno mai via il mio “Pacificatore”.
Recupero il mio cavallo e mi rimetto in marcia.
Devo muovermi o mi faranno la pelle.
Mi sento libero con una striscia di sangue alle mie spalle
e proseguirò il viaggio in queste pianure polverose.
Ho un piano per curare dolore e sofferenze.
Il fumo si dirada e vivo per vedere un altro giorno.

Note: *(Tipo di pistola)

PARASITE – PARASSITA

E’ uscito dal suo sonno
e assorbe la vita per fame dal suo ospite.
Semina il male e manipola.
Un travestimento maschera le sue vere intenzioni,
ma la verità emerge nel suo riflesso.
Scava più a fondo e diffonde l’infezione.
Cresce, dimorando nelle tenebre.
Si nutre dell’ospite e delle sue debolezze.
Ci sentiamo sfruttati e il nostro cammino è in crisi.
Nel buio ci prosciuga le energie.
Le divora per sua necessità.
Restare vigili ostacolerà il parassita
e gli impedirà di far attecchire le sue radici.
La nostra mente e il corpo si rafforzeranno,
espellendo il veleno dall’esistenza.
Scava all’interno.
Ci divide. Ci separa.
Basta! Distruggiamolo
o si sposterà in nuove vittime!
Sconfiggiamolo! Eliminiamo la sua corruzione!
Abbracciamo un nuovo inizio!
Le ferite guariranno e la pressione diminuirà.

SPIRIT OF THE TIMES – LO SPIRITO DEI TEMPI

Mi siedo e rifletto.
Non provo più rimorso,
ma le domande restano.
E’ un mondo pieno di ingiustizia.
Di divisioni, dolore e violenza.
Troveremo mai la nostra strada?
Guardo gli altri negli occhi
e la paura che vi scorgo mi fa venire da piangere.
E’ la verità che dobbiamo accogliere.
Potrete riuscire a prendermi,
ma non spezzerete mai la mia volontà.
La mia anima non è in vendita e non ho paura di niente.
La giustizia trionferà.
La mia anima non è in vendita.
Questo è il mio proposito
e non cederò all’oscurità.
E se il pericolo incrocerà la mia strada?
Resterò saldo, sapendo che la verità continua a maturare.
Diventeremo più forti ogni giorno
e se anche bloccheranno il mio corpo mortale,
io sarò libero, perché il mio spirito sopravviverà.

HIGHWAYMAN – AVVENTURIERO

Ero un bandito e percorrevo le strade sterrate
con una spada e una pistola al mio fianco.
Molte dame hanno perso i loro gioielli a causa del mio mestiere
e molti soldati hanno versato il loro sangue sulla mia lama.
Dei bastardi mi hanno ferito nella primavera del ’25,
ma sono ancora vivo.
Ero un navigatore e sono nato sulle onde.
Sono vissuto in mare.
Governavo una goletta e ho viaggiato tra Capo Horn e il Messico.
Sono stato spinto verso il cielo
e ho ammainato la vela maestra in un attimo.
Quando i pennoni si sono spezzati
hanno detto che ero morto,
ma sono ancora vivo.
Ero un costruttore di dighe sul fiume ampio e profondo,
dove l’acciaio e l’acqua si scontrano.
Un luogo chiamato Boulder nel selvaggio Colorado.
Sono scivolato e sono caduto sul cemento bagnato sottostante.
Mi hanno posto in una grande tomba in cui non giungeva suono,
ma sono ancora nei paraggi.
Lo sarò sempre.
Ho guidato una nave spaziale nell’universo divino
e quando ho raggiunto l’aldilà,
ho trovato un luogo in cui far riposare la mia anima.
Forse tornerò ad essere un avventuriero
o forse sarò una semplice goccia di pioggia,
ma sopravviverò
e farò ritorno ancora ed ancora.

Lascia un commento