Tears of lust

TEARS OF LUST – LACRIME DI DESIDERIO

Una voce che risuona come una sinfonia
è mantenuta in meravigliosa asimmetria.
Scegliere. Respirare. Sospirare.
Ignora l’ombra che sconfigge la notte
e portami nella luce!
E’ un vizio che tradirai.
E’ un tatuaggio che non scomparirà,
inciso nelle ossa con il consenso del cuore
e tenuto nel fango con freddo disprezzo.
La luce! Raggiungi la luce!
Le lacrime di desiderio. Il pianto silenzioso.
Il calore che mi lambisce la pelle
e che mi porta in alto.
Libera il peccato! Tutto ciò che hai dentro!
Portami nella luce!
La sacra verità che conservi
conduce il capitolo all’epilogo.
Le lacrime di desiderio.
Storie da raccontare alla tua anima.
Non è la mia ad essere in vendita.
E’ la luce. Riesco a sentire la luce.

HIGHER GROUND – LIVELLO PIU’ ALTO

Mi aveva promesso la vita e mi ha imposto la morte.
Mi sussurrava parole che non riuscivo a capire.
Sulla cima della collina, seduto sul tuo trono,
l’oscurità ti aspetta e sei solo.
Quando tutto fu corretto e compiuto,
le lacrime si asciugarono grazie al sole.
La fiaba era cominciata (a un livello più alto).
Sono qui e non scapperò.
Arriverò a un livello più alto.
La sua pelle, simile a calda seta, sembrava di fuoco al tocco
e i suoi occhi brillavano, come vetro macchiato, pieni di lussuria.
Il suo guscio è ormai rotto
e dimenticato come l’ultimo fiocco di neve caduto.
Si passava la lingua sulle labbra come il richiamo di una sirena.
Un fiore in piena fioritura,
portato in grembo come il figlio di una puttana
e dimenticato nell’utero.
Stretta nel tuo confortevole abbraccio,
un’unica e falsa lacrima è discesa.
Sorrise e con un un bacio spezzò l’incantesimo.
Quando tutto fu corretto e compiuto,
le lacrime si asciugarono grazie al sole.
La fiaba era cominciata (a un livello più alto).
Ora non sarò più la sola.
Lentamente mi dissolvo
e ancora sento che la battaglia è vinta (a un livello più alto).
Sono qui e non scapperò.
Arriverò a un livello più alto.

NEVER ENDING – SENZA FINE

Non c’è spazio per gli errori.
Sei avvolto in un mantello d’oro trasparente.
Non ci sono due giorni uguali.
Sono pieni di sogni e sorrisi.
Il volto della speranza. L’eterna giovinezza.
Un migliaio di strade,
ma soltanto una riempie il cuore di melodia.
Corri lungo la vita,
senza mai trovarne la bellezza.
La fonte della verità è davanti ai suoi occhi,
come nitidi cieli in fiamme.
Rivela e metti a nudo le bugie!
Lo ipnotizza, mentre affonda nelle urla della finzione.
Senza fine. E’ finzione.
Ricordati di me! Un soldato dipinto su un muro
che si aggrappa alla solitudine della gloria.
Custodito dagli angeli. Un amore che non muore mai.
Un universo di risposte. Un’illusione della mente.

LULLABY – NINNANANNA

Bambino, dove te ne vai?
A raccontarle di nuovo le tue preoccupazioni?
Il tempo ti renderà più forte, ma quando?
Quanto ci vorrà per iniziare, sinceramente?
Troverai la mia strada?
Riportami nell’abbraccio della mia vita,
dove ancora possa ascoltare una ninnananna!
Un abbraccio sereno.
Bambino, lei ti capisce
e conosce il sentiero che hai scelto di seguire.
Perché continui a negare i sentimenti che nascondi?
Libera il desiderio del tuo cuore!
I raggi dell’amore mi sollevano
quando vorrei nascondermi.
Nell’oscurità mi hai riportato alla vita.

INSANE – PAZZA

Pareti silenziose. Il soffitto si avvicina al pavimento.
Immagini malefiche mi sconvolgono la mente con violenza.
Il buio avanza strisciando e mi fa impazzire.
Sono pazza, chiusa in questa gabbia.
Sono pazza e la mia mente si cancella.
Voci turbinano e dita si allungano fino alla mia pelle.
Occhi senza vita fissano nel vuoto.
Calano e ombre e mi fanno impazzire.
Sono pazza, chiusa in questa gabbia.
Sono di nuovo pazza.
Sono pazza, chiusa in questa gabbia.
Sono pazza e la mia mente si cancella.

WHAT HAVE YOU BECOME? – CHE COSA SEI DIVENTATO?

Ancora ti nascondi nella gabbia che ti sei costruito
e ti ci aggrappi forte.
Sono qui a maledire la carne in cui mi hai infilato.
Non ho la forza di lottare.
Una folla in uno spazio vuoto.
Le crepe appaiono sul tuo viso
e la follia è a un passo di distanza.
Come le ferite che nascondi,
il diavolo che hai dentro prende il sopravvento.
Cadi sulle ginocchia e impari a pregare.
All’interno di ombre viventi
la tua anima verrà marchiata per sempre.
Che cosa sei diventato?
Sarai lì quando cadrò in pezzi.
Non è finita. E’ soltanto il principio.
Ora guarda come dilanio il tuo cuore
in frammenti pieni di bugie mai confessate!
Sarò una parte di te che non se ne andrà più
e dimorerò nella tua testa.
Pensi di poter fuggire da questo inferno?

REBORN – RINATA

Le sabbie del tempo cambiano e si perdono.
Le maree mutano e si dissolvono.
Guardami risorgere e rinascere!
Non mi conterrò.
Pentiti dei tuoi peccati e prega!
Non pensavi che avresti visto questo giorno.
L’anima che hai spezzato va guarita
e devi tendere ai cancelli del paradiso.
Sei uno stolto pieno di superbia e disonore,
inconsapevole del proprio destino senz’anima.
Il cielo diventa nero come la notte
e la morte si diffonde ovunque.
Ai tuoi occhi sono morta, ma non mi conterrò.
Un giorno si rincontreranno in questo mondo
che non hanno saputo risanare.
Io ancora mi batto e non vedrai la mia fine.
Tra neve e ghiaccio,
nelle pianure dei nemici congelati,
dove gli antichi sono caduti,
combatti in questo inferno assiderato.
Alza la testa e levati quel ghigno dalla faccia!
Questa è la battaglia che non vincerai mai.
Non pensavi che avresti visto questo giorno.
Guardami risorgere e rinascere!

CHIMERAS – CHIMERE

La rabbia. Le lacrime. La battaglia per vivere.
L’avidità e la paura strisciano sottoterra.
Il silenzio inquietante. Rumori spaventosi.
Migliaia di occhi in un labirinto malvagio.
Attirano la preda solitaria,
come in una caccia primordiale di giorni antichi.
La vita viene predata finché non esiste più.
La rabbia. Le lacrime. La battaglia per vivere.
L’avidità e la paura.
La rabbia. Le urla. La mente così vile.
Il banchetto. L’ultimo sospiro.
Succhiano via la vita dalle anime
e desiderano la chiamata del mietitore,
nutrendosi di un’ombra infinita.
I loro feroci morsi paralizzanti.
Ti sciogli dentro, ma sei ancora vivo.
E’ il massacro degli innocenti e dei puri.

CHANGELING – MUTAFORMA

Gemiti di piacere. Notti infinite.
La luna se se sta lassù nelle sue eccitanti altezze.
Era tutta un’illusione?
Le profondità del mio cuore
sono il luogo dove tutto si distrugge.
Ti sei preso un pezzo della mia anima
e hai impresso la tua voce nella mia mente.
Mi hai spinto per terra,
solo per poi volarti altrove.
Mi hai sottratto tutta la fede
e hai lasciato che il dubbio mi crescesse dentro.
Mutaforma.
Lievi sussurri mascherati
e la luna se ne sta lassù.
Mi rifiuto di aprire gli occhi di fronte al dolore che provo.
Qui, sui gradini di casa mia,
tutto mi sembra estraneo.

ABYSS – ABISSO

Un lamento in un sogno di pura beatitudine.
Il sorriso di un angelo dolce come profumo.
Un respiro nel mistero.
Il dono di ali incatenate col ferro.
L’obbedienza è ciò che rimane.
Svegliati e dimentica il tuo passato non raccontato!
Vieni verso di me!
Ascolta il canto della sirena!
Non opporti più!
Nell’abisso della tua mente tormentata
abbraccia il silenzio!
Avventurati nella disperazione,
come un bambino lasciato solo.
Cavalcheremo su venti che gridano.
La saggezza è perduta
e al suo posto c’è la vecchia mappa di un luogo antico.
Guarda! Una nuova leggenda viene predetta.

LAST TIME TOGETHER – L’ULTIMO MOMENTO INSIEME

Ricordo la notte in cui spegnesti la luce
che teneva in vita il nostro amore.
Come una stupida tentai di ritrovare il calore dentro di te,
ma i tuoi occhi erano diventati così freddi.
Non restava altro che silenzio.
Soltanto il rumore del mio cuore in pezzi.
Se questo è il nostro ultimo momento insieme
fingerò che questo amore sia “per sempre”.
Così ricorderò come sarebbe finita questa notte senza il “mai più”.
Dopo il sole arriva la pioggia,
che lentamente spazza via ogni sogno
e mi lascia piena di sofferenza.
Echi acuti aleggiano nella mia mente.
Risposte che avevo lasciato in sospeso.
Avrei dovuto capirlo.
Non restano altro che ricordi
a soffocare il rumore del mio cuore infranto.
Se questo è il nostro ultimo momento insieme
fingerò che questo amore sia “per sempre”.
Così non ricorderò più il giorno in cui mi hai detto addio.

 

Testi richiesti da Redhost.

Lascia un commento