Moments from ephemeral city

THE CITY HAS NO EMPATHY (YOUR SENTIMENTAL LIE) – LA CITTA’ NON HA COMPASSIONE (LA VOSTRA SENTIMENTALE BUGIA)

Le strade deserte mi chiamano
come il canto di una sirena.
Vado alla deriva più in profondità.
Il cuore della città mi aspetta.
La città è senz’anima.
Una vuota siringa.
Una vuota promessa e un’accurata maschera.
Gli occhi luminosi per un attimo guidano
lo speranzoso e persino l’ottimista.
Allora cantate la vostra canzone come un sospiro!
E’ la vostra sentimentale bugia.
Bugiardi!
Aprite la bocca
e cantate come se aveste qualcosa da dire!
Mi prendo la testa tra le mani
e tento di ignorare il canto che si trasforma in sabbia.
Un vento gelido trasporta la mia voce.
Un sussurro che implora liberazione.
Sono libero.
Vaffanculo questa città!
Sono stato liberato
e spalanco le braccia.
Faccio un profondo respiro e canto.
Sono libero!

SILENCE – SILENZIO

Voglio ignorare la fragilità della mia vita.
I giorni sono come granelli di sabbia sulla mano di un discepolo.
Osservando fuori dalla finestra
il grigiore e il cielo senza vita,
so che cosa sono.
Voglio guardare la pioggia con paura
attraverso occhi primitivi,
ma sono terrorizzato dal silenzio
che mi avvolgeva prima che fossi vivo.
I giorni che passano mi sembrano più brevi
ad ogni istante che mi lascio alle spalle
e ora spunta l’alba sulle menti
ancora libere di decidere.
Voglio guardare la pioggia con paura
attraverso occhi primitivi.
Voglio essere innocente, senza ipocrisie e menzogne,
ma qui intorno sopravvive il più forte.
E vorrei esaminare il mondo prima di me,
come risultato finale di ciò che c’era prima.
So che cosa sono.
Voglio capire la sofferenza dello zelo nei tuoi pianti.
Sembrerebbe una via comoda per fuggire dal silenzio.
E se mi guardo indietro con rimpianto
so di aver perduto qualcosa che non ritroverò più.
Ogni giorno sono più vecchio
e il mondo scivola più lontano.
Ogni passo è più vicino a coloro che hai perso lungo la strada,
al di là dei nostri desideri e dei profitti umani.
Della tua fede e del mio disprezzo.
(Le tue labbra tremanti tradiscono il tuo scopo)
e lo capisci quando è la fine.
Faremo la stessa fine.
Ogni giorno sono più vecchio
e nel nostro mondo sto decadendo.
Ogni passo sono più vicino al mio ultimo respiro,
al di là del rimpianto,
della speranza di un tempo, dell’amore e dell’umano dolore.
(Quando è la fine).

ALONE IN THE WORLD – SOLO NEL MONDO

Sei finito.
Sei perso in un mondo di tua stessa creazione.
Sei solo e l’umanità te la sei lasciata indietro da tempo.
Ci credi che un tempo ho patito la tua sofferenza,
(anche se ormai è cosa passata)?
Mi sembra così strano che nel dolore tu riesca ancora a credere.
Scorgo una luce più avanti.
Un modello per tutte le mie ambizioni.
La vita si presenta nuda
davanti al suo significato dissotterrato.
Accolgo la mia liberazione.
Morale: chiamatemi come preferite e gettatemi via!
Lo so e nel profondo della mia ignoranza non ho paura.
Scorgo una luce più avanti.
Un modello per tutte le mie ambizioni.
Un nuovo giorno albeggia sul mondo vuoto.
Accolgo la mia liberazione.
Sono solo nel mondo.
Un guscio che cade miseramente e così è destinato a fare.
Dissuado la mia mente dal futile tentativo
di cercare un’assoluzione.
Sono perduto tra le stelle lassù
e consumato dalla mia riflessione.
Distratti dalla mia condanna,
si uniscono a me nell’immaginario.
Non ricordo di un tempo in cui i giorni
tremolavano come la loro fredda luce.
L’interesse è svanito come le stagioni
e l’amore si è liberato di ogni ragione.
La mia ragione è superficiale come i sensi
pervasi da un’ultima e nostalgica scia di profumo.
Inspiro una volta ancora,
consapevole che i sogni che non vivrò non hanno importanza.
(Lasciali andare!)

EPHEMERA – EFFIMERA

Per tutta la vita ho atteso di trovare
la risposta che stanotte mi sta seguendo.
La felicità è effimera quando è considerata più del proprio credo,
poiché alla fine non è altro che sollievo.

EQUALLY FLAWED – UGUALMENTE IMPERFETTI

La sua figura è stata messa in ombra
dalla rivelazione sul suo viso
oltre ogni possibilità di confutazione.
Ho capito le sue intenzioni,
ma non ho detto una parola.
Il suo sorriso nasconde uno scopo nascosto
che va oltre la mia comprensione.
Con un’impercettibile accondiscendenza
l’ho lasciato entrare.
Siamo nati ugualmente imperfetti
in un mondo di porte chiuse.
E’ questo che accettiamo,
nonostante le domande o le ragioni,
per salvare le nostre anime.
Ma non accetterò i vostri dogmi imposti a forza.
Non approverò insensate congetture
sugli scopi della natura.
La mia mente non si atterrà al vostro silenzio.
Vedi il mondo privo di difetti,
ma è una bugia senza senso.
E’ insignificante se tutto è stato detto o fatto,
ma non per questo meno stimolante.
E non mi importa se dici che Dio ci ama.
Le sue leggi dureranno e dureranno per sempre,
finché l’universo non si contrarrà ancora.
Non è necessario che egli esista perché esista il mondo.

COLOSSUS – COLOSSO

Aspettiamo.
Chiudi gli occhi e fai un respiro profondo!
Ci siamo già incontrati prima,
ma il tuo muro è bianco
e non ci sono prove che tu sia mai esistito.
Disegna la tua ombra se ti dà un qualche conforto!
“Io sono ancora qui”.
L’uomo che stava al di sopra del mondo
ha imparato che fallire non significa cadere.
E’ tornato con i piedi per terra giusto per dire:
“Vaffanculo! Vi ho osservati
e siete così piccoli”.
“Siate in pace!” ha aggiunto.
E’ tutto nella tua testa.
Non temere! Tutto finisce.
Canta l’alleluia!
Siamo comunque tutti morti
e il tuo mondo perfetto è una finzione.
Sei vivo e ancora respiri.
I bugiardi ti diranno che non è la fine.
Stanno semplicemente sognando
e tu li raggiungerai presto,
ma io sono ancora qui.
Sei leggero. Appena immerso nella carne.
Aspetta ciò che il mondo ti può offrire
o prendimi per mano!
Resta con i piedi per terra giusto per dire:
“Vaffanculo! Vi ho osservati e ora ho capito”.
Egli disse: “E’ tutto nella tua testa”.

VANISHING RITES (TREAD SOFTLY, LITTLE ONE) – RITI CHE SCOMPAIONO (CAMMINA SILENZIOSAMENTE, PICCOLINO)

Entra e mettiti comodo!
Siediti e chiudi la porta!
Io chiederò di più,
mentre tu bisbigli lievemente a te stesso.
Nel buio vi assomigliate tutti,
ma vi ascolto e percepisco il vostro peccato.
Dolce e succulento mi penetra attraverso la pelle.
Ricordati che vi osserviamo!
Abbiamo occhi ovunque.
Sarete in questa situazione fino alla fine
e io camminerei silenziosamente ora
se fossi in te, amico mio.
E’ una promessa che hai fatto
quando eri piuttosto piccolo.
Continua a restare vicino!
Controlla i tuoi passi
e chiudi gli occhi o potresti cadere!
Non aver paura!
Confessa e sparisci!
Entra nella scatola e fammi guardare!

Lascia un commento