The human contradiction

HERE COME THE VULTURES – ARRIVANO GLI AVVOLTOI                
                
Una volta ho avuto un presentimento:                
che il tutto avrebbe attraversato la mia strada,                
ma ora siamo andati troppo oltre,                
perché io mantenga le mie certezze.                
Non l’ho fatto per divertimento, ma per il dolore                
e non sono interessata alla tua fama temporanea.                
Voglio solo osservarti mentre guardi                
la mia anima messa a nudo per te                
e la distruggi con il tuo passo pesante.                
L’ho fatto per essere punita.                
Facce sconosciute. Posti sconosciuti.                
Vengono per noi!                
Arrivano gli avvoltoi! Ci cercano!                
E’ soltanto un terribile massacro di corvi nel cielo.                
La luna annuncia che presto sarà notte.                
La luce muore. Si accende il riflettore                
e labbra senza amore cominciano a cantare.                
Sono i fantasmi a cui sembriamo dare ricovero.                
Come sono diventati noi?                
Arrivano gli avvoltoi! Ci gridano contro!                
Dicono che non si possa cantare la malinconia                
quando si è belli e giovani.                
Lascia che ti mostri un volto                
che non andrebbe bene per nessuno di noi due.                
Questo cuore è nero come il sangue secco.                
Questa canzone è malinconica come lividi vistosi.                
Un massacro di corvi nel cielo.                
La luna annuncia che presto sarà notte.                
La nebbia s’infittisce                
e vedo solo occhi vuoti attraverso urla silenziose.                
                
YOUR BODY IS A BATTLEGROUND – IL TUO CORPO E’ UN CAMPO DI BATTAGLIA                
Ogni infezione. (Imperfezione).                
Ogni afflizione. (Imperfezione).                
Ogni imperfezione. (Non sei d’accordo?)                
Accontenta l’assuefazione. (Fa qualcosa!)                
Ogni disordine. (Imperfezione).                
Bi o tripolare. (Imperfezione).                
Per la tua protezione. (Non sei d’accordo?)                
Solo un’iniezione. (Fa qualcosa!)                
E’ una pillola amara difficile da prendere                
e ogni giorno passa per sentirsi sempre uguale.                
Uccidere il dolore!                
Qualche disordine?                
Nessuna concentrazione.                
E’ troppo difficile da mantenere?                
Nessuna esitazione per la tua protezione.                
Solo un’iniezione.                
Ti scriveremo una lettera.                
Più giovane è, meglio è.                
Una per il tuo cuore. Una per la tua testa.                
Una per ogni mostro sotto il tuo letto.                
Uccidere il dolore!                
Il tuo corpo è un campo di battaglia                
e i farmaci sono sparsi ovunque.                
Il tuo corpo è un campo di battaglia,                
ma non pensi di poterne fare a meno?                
Il tuo corpo è un’industria.                
Il tuo dolore non è niente. Soltanto un mio guadagno.                
Il tuo corpo è un’industria.                
Non puoi scappare!                
Ogni disordine per la tua protezione                
soddisfa l’assuefazione.                
                
STARDUST – POLVERE DI STELLE                
                
Un paesaggio incantato, ammantato di grigio argento,                
nostalgico per un ricordo svanito.                
Tutta la luce negli occhi vuoti è polvere di stelle.                
Una volta che lo hai imparato, non c’è fuga dalle bugie                
e non abbiamo pianto come se avessimo lasciato la Terra a morire,                
nostalgici per un ricordo (perduto) nell’eterno silenzio.                
Portami alla vita! Portami la luce delle stelle!                
Portami il sole e la luna!                
Libera le stelle stanotte!                
Lontano, in un ricordo lontano, c’è abbondanza.                
C’è un battito dentro di noi                
e tutto il sangue di un cuore vuoto è polvere di stelle.                
E’ stato spazzato via, come il tuo viso nella sabbia.                
E’ sull’orizzonte del mare la nostra fine.                
Il ricordo è doloroso.                
Lo abbiamo fatto a noi stessi!                
Svegliami! Restituiscimi il battito del cuore!                
Il calore della pelle!                
Il mondo in cui viviamo!                
                
MY MASQUERADE – LA MIA FESTA IN MASCHERA                
                
Il tuo viso. Il mio viso.                
Tu respiri. Io respiro.                
Tu sbagli. Io fingo.                
Io prego. Io prego.                
Tu perdi. Io perdo.                
Tu ti ferisci. Io mi ferisco.                
Io sono in caccia. Tu aspetti la mia preda.                
E’ la mia festa in maschera.                
Se non hai paura di fare un passo nel mio regno…                
Un ballo, stanotte.                
Copriti gli occhi!                
Soltanto con il tatto e il gusto troveremo la strada.                
I tuoi segreti profondi, sì, li custodirò io.                
Io sono in caccia. Tu aspetti la mia preda.                
Togliti la maschera                
e vedrai la stravaganza che c’è in te                
e quella che c’è in me.                
Ma stanotte ci nasconderemo dagli sguardi pieni di giudizio                
e balleremo fino all’alba.                
                
TELL ME, MECHANIST – DIMMI, MACCHINISTA                
                
Dimmi macchinista, è vero?                
Niente di questo ti infastidisce?                
Un tempo, in un’epoca come la nostra,                
il macchinista decise che un meccanismo ci definisse.                
(Chi sei?)                
Che delle semplici stagioni regolassero il tempo delle cose.                
Il verso di una bestia è solo la risonanza di una stagione che hai vissuto.                
Non è umano e non è una voce.                
Se solo potessimo ritornare al principio, (Dimmi macchinista, è vero?),                
ci accorgeremmo che non siamo così distanti.                
(Niente di questo ti infastidisce?)                
Capiremmo la somiglianza con il nostro cuore                
se potessimo tornare all’inizio.                
Ognuno somiglia agli altri,                
ma il macchinista decise                
che semplicemente la nostra razza dovesse soffrire.                
(Chi sei?)                
Questo giustifica che ognuno possa gratificare il proprio palato                
con il sangue degli altri?                
Dimmi perché né i segni, né l’alba del DNA,                
hanno mai cambiato nulla?                
Una collisione è imminente!                
La fine della nostra separazione                
ha il gusto dei nostri riti ancestrali.                
Una collisione è imminente!                
Col tempo capiremo che non c’è contrasto.                
Siamo geneticamente intrecciati.                
                
SING TO ME – CANTA PER ME                
                
Le lacrime di gioia scorrono veloci.                
Le lacrime di tristezza tendono a durare.                
Ti sei preso il tuo cuore macchiato di sangue                
tra le mani sporche di nicotina                
e i tuoi ventinove anni non ti hanno aiutato ad andare oltre.                
Oh, la carcassa di un animale investito!                 
Un brivido da quattro soldi.                
Una strada piena d’ostacoli.                
Bugie bianche. Vestiti neri.                
La lucentezza delle tenebre.                
Chiudi gli occhi pieni di lacrime                
sulla linea argentata della tua follia.                
Dopo ventinove anni vorresti confessare                 
che abbiamo costruito un posto di merda,                
che non sono in grado di cancellare?                
Canta per me!                
Bugie bianche e vestiti neri                
ci tengono separati.                
Respiri l’aria gelata,                
dai miei polmoni ai tuoi polmoni                
e dopo ventinove anni che altro può succedere?                
Le lacrime di gioia scorrono veloci.                
Le lacrime di tristezza tendono a durare.                
Hai cantato una canzone davvero triste,                
che non se ne va dalla tua testa dolorante.                
I tuoi ventinove anni non ti hanno insegnato                
che cambiare musica alla fine cambia il tuo destino?                
Abbiamo costruito un posto di merda                 
che non riusciamo più a cancellare.                
                
ARMY OF DOLLS – ESERCITO DI BAMBOLE                
                
Che aspetto hai nello specchio,                
quando sei così stanca                
da non riuscire nemmeno ad abbozzare un sorriso?                
La disperazione non ti fa sembrare più magra.                
La realtà è solo più amara                
ed è la tua mano e solo la tua mano                
ad aver aperto la porta,                
da cui sono entrate le loro voci                
nella tua testa e sotto la tua carne.                
Sistemati la faccia o non ci riuscirai più.                
Mi vuoi?                
Mi vuoi per far scoppiare le tue bolle adesso?                
Mi vuoi? Le scoppierò, facendo rumore!                
Mi vuoi?                
Mi vuoi per spezzare il paradigma?                
Sono queste le regole che abbiamo creato                
e che ti feriscono dentro?                
Un esercito di bambole ha rubato il tuo riflesso.                
Un esercito di bambole ha rubato la tua perfetta imperfezione.                
Chiudile fuori! Non farle entrare nella tua testa!                
Pensi davvero che la disperazione abbia un sapore così dolce,                
se servita con un sorriso perfetto?                
Non guardare nello specchio!                
Un esercito di bambole ti farà provare l’amarezza.                
I cosmetici Magpul* seguono il mercato leader.                
Mai visti visi più dolci! 

Note: *(Famosa industria USA di armi, che le pubblicizza con ragazze in bikini)              
                
LULLABY – NINNANANNA                
                
Stiamo affondando con tutta la nave                
in quest’ora di mezzanotte.                
Per quanto sai trattenere il respiro?                
Alle sirene che cantano per i cuori infranti                
noi intoniamo le stesse melodie.                
Addio, mia ninnananna!                
Sotto l’acqua si riflettono bagliori di vita                
che risalgono dai tuoi polmoni e dalle tue labbra.                
Quando hai deciso di imbarcarti verso altre rive,                
hai anche deciso di affondare.                
Addio, mia ninnananna!                
Mi manchi.                
                
THE TRAGEDY OF THE COMMONS – LA TRAGEDIA DEI POPOLI                
                
Altre sommosse. Altri disordini. Altre esplosioni.                
Brindo al prossimo investimento                
e al futuro delle terre devastate!                
Ottimo! Siamo qui per tirare la cinghia.                
Ma so che almeno ci ho pensato. Almeno ho combattuto.                
Almeno ne ero a conoscenza e almeno ci ho provato.                
So che ci ho pensato, lo so e combatterò,                
prima di dire addio al mondo stanotte.                
Siamo una cosa sola e tutti insieme                
cadiamo verso l’autodistruzione.                
Chiudiamo gli occhi di fronte ai cieli anneriti.                
Sarà il nostro ingenuo decesso.                
Altre ossessioni per altre terre.                
Altri accordi ben fatti.                
Ottimo! Brindo alla beata ignoranza!                
Al fatto che cose non rivendicabili                
determinino i nostri rischi e le nostre prospettive.                
Questo porta al profitto personale,                
ma io non sentirò nessun dolore individuale.                
Tutte le implicazioni globali sono superflue.                
Sì, il prezzo è alto, ma questi sono gli interessi economici.                
Coinvolge tutti noi,                 
ma nella realtà non interessa a nessuno.                
Nel momento di dover ammettere                
le nostre responsabilità per il crollo definitivo,                
meglio che ognuno si tenga forte quando tutto finirà.                
                
SCARLET – SCARLATTO                
                
Come un fiore che cresce naturalmente verso il sole,                
io cresco verso chi mi fa più male.                
Come un rasoio che si muove a comando.                
Che asseconda la mano che lo impugna e che spinge la lama.                 
So che se fossi qui soltanto per star lontana dai guai                
non sarebbe una mia vittoria.                
Me ne sto seduta con un sorriso dorato,                
come se tu fossi qui per salvare il mondo,                
ma sappi che non è più tempo per gli eroi.                
Te ne stai tranquillamente seduto con lo sguardo vuoto                
e il cuore scarlatto.                
Come un fiume, arginato da un ricordo.                
Rammenti com’era la tua vita                
prima che mi chiudessi la porta davanti?                
Quando desidererai tornare al sicuro,                
sarò qui a braccia aperte per sottrarti alla sofferenza.                
Se fossimo qui solo per star lontani dai guai                
non sarebbe una nostra vittoria.                
Ce ne stiamo seduti con i nostri sorrisi dorati                
e il cuore scarlatto                
e il sipario scende per entrambi.                
                
DON’T LET GO – NON ARRENDERTI               
                
Ho bisogno della tua ispirazione!                
Ti sento dappertutto ora.                
Sento la tua esitazione.                
No, non arrenderti!                
Se stai bene alla fine di una strada solitaria,                
è come quando vedi la luce in fondo al tunnel.                
E’ come la caduta degli dèi che reclamano le loro proprietà.                
E’ come la tua voce che dice che sono stata via troppo a lungo.                
Come le prime parole di una canzone che amiamo.                
Come un volto nella folla che mi sta chiamando.                
Era triste, buio e diventava sempre più freddo.                
Ero lontana dalla luce e diventavo sempre più vecchia.                
Contavo i giorni e gli anni in arrivo.                
Ci vuole uno sconosciuto per renderla più facile!                
Mi faceva danzare il suono del tuo respiro.                
Rendeva il momento più lungo,                
quando il mio ultimo respiro scivolava via.                
Sento che non ti lascerò andare via mai più.                
                

Lascia un commento