One with the storm

WRETCHED BLUES – MISERABILE MALINCONIA

Cammino lentamente.
Il sangue è distillato, destinato a non mancare mai.
Sono sedato e puro. Freddo per scelta.
Sono la stilizzazione del dolore.
Mi sento malinconico.
Sono lacerato e la terra m’ingoia.
Ero senza paure, ma ora sto urlando terrorizzato nel vuoto.
Sono in questa vacuità.
Lascio il vuoto per riempire il mio cuore
di fuoco e opposizione senza limiti.
Le ombre colpiscono come fiamme.
Cantano di fuoco e resistenza senza fine,
in un luogo in cui gli echi pronunciano il tuo nome.
Sono stato curato e sono pronto ad accettare la vita
così come viene e come andrà a finire.
Aspettative. Fondamentali speranze.
Si suppone che tu sia felice quando tutto intorno a te è vivo e vegeto.
Per sempre saremo uomini vuoti su una terra vuota.
Saremo qui a spezzarci le ossa e a bruciare le nostre anime,
come la gente che abusa di svariate sostanze.

DEPARTURES – PARTENZE

Oggi tutti i colori sanguinano sull’oceano.
Mi dispiace, ma non potevo restare.
Come ci si sente ad ammettere ciò che si è?
Ad aprire il cuore senza causare un versamento impetuoso?
A cadere senza mai smettere di credere
che la luce possa sovrastare il buio?
A respirare la vita con serenità?
Se solo sapessi come perdonare!
Se solo sapessi come lasciar perdere!
Se solo sapessi come abituarmi a quello che sono!
Sono galassie lontano.
Sto cavalcando le onde della perdizione.
Sto guidando questa nave fuori rotta.
Ti odio ancora!
Paura. Fiducia. Sensi di colpa e amore.
Sono schiacciato da una tempesta imminente.
Sto affondando sotto il peso di un sole funesto.
Accade quando l’amarezza ci conquista il cuore
e restiamo a trascinarci nel gelo.
Vale la pena di gridare tutta una vita con la voce fiduciosa?
E’ sempre troppo presto. Sempre troppo tardi.
C’è sempre qualcosa che si mette in mezzo.

AURORA – AURORA

Potrei essere la tua luce quando sei spaventata.
Potrei essere la spiegazione quando ti chiedi il perché.
Potrei essere un amante nelle tue notti solitarie.
Ti darei le ali!
Sono la porta verso un’altra vita
e tu sei sulla strada verso un posto migliore.
Il nostro peso ci fa scendere e risaliamo grazie al calore,
come una falena che volteggia intorno alla lanterna.
Il tuo richiamo è come una droga.
Tutto è ricoperto di bianco.
Puoi ascoltare il silenzio.
Il tuo cuore smette di battere, ma continui a camminare.
Ti senti più leggero dell’aria.
Sei una cosa sola con il cielo
e alla fine capisci di essere una stella congelata.
Abbassi le tue difese e sfoghi la sofferenza.
Piangi come un neonato.
Ancora una volta sei libero.
Non c’è alcuna violenza nel buio che ti circonda.
Non ci sono regole in questo caos di colori.
Questo pesante fardello dell’inverno eterno svanisce.
E’ l’aurora.

DISEMBODIED VOICES – VOCI ETEREE

La pioggia intensa mi tiene sveglio.
Ogni goccia uccide un’altra promessa.
La mente fluttua nel nulla.
La vita è un cerchio
e io so che tra non molto la speranza conquisterà tutti.
Dicono che il tempo guarisca.
Che in un anno circa ti sentirai meglio.
Il tempo non guarisce! Ti fa solo dimenticare.
La mente fluttua nel nulla.
La vita è un cerchio
e io so che tra non molto la speranza conquisterà tutti.
Il domani è una via d’uscita
da tutte le mie tombe e da tutto questo.
Risorgerò con migliaia di serpenti ai miei piedi
e con la morte negli occhi.
Correrò alla velocità della luce, finché la speranza conquisterà tutti.

ELECTRA COMPLEX – IL COMPLESSO DI ELETTRA

Una lenta luce lampeggiante ti richiama verso casa,
dove la tua razza ha preso vita
e dove i campi sono bagnati dal freddo sole del mattino.
Non è un posto come gli altri. Lì è così facile respirare.
Senti ancora la sua vicinanza,
anche se sai che non c’è più da tempo.
Fissa gli occhi nella luce! Non ti ferirà.
Custodisci nel profondo i tuoi segreti!
Aspetti la fine e non si vede rimorso nei tuoi occhi.
Solo la rabbia e i ricordi di una prospettiva sul passato
possono tenerti in vita.
Non c’è nulla come te.
Sei una creazione unica del cuore.
Hai assaggiato il veleno.
Hai provato su di te denti e artigli.
Ti sei esposta più di quanto chiunque potesse osare,
a metà tra realtà e irrealtà.
Hai assaggiato il veleno.
Hai provato la frusta e le catene.
Ti sei esposta più di quanto chiunque potesse osare,
a metà tra realtà e irrealtà.
Mi sono divertito ad aprire la gabbia toracica di tua madre
e a tirarne fuori il suo cuore pulsante.
L’ho guardata negli occhi morenti e le ho detto:
“Ne valevo la pena per tutto questo?”
Sono un abominio della natura.
Ora sei qui a spiegare perché
un’eredità guasta non dovrebbe essere mostrata.
Ora sei qui a raccontare i segreti
sul perché alcune cose non dovrebbero nascere.
Ho aperto la cassa toracica di tua madre
e le ho tirato fuori tutto l’amore.
L’ho guardata negli occhi morenti e le ho detto:
“E’ questo il mio posto?”
Sono un abominio della natura.

STONES AND PILLARS – MEGALITI

Mi trascino sulla mia strada, tra grugniti e insolenza.
E’ il lavoro più faticoso che abbia mai fatto.
Il tuo cuore è pesante, ma almeno è mio
e una volta ti ho giurato che non avresti mai camminato da sola.
Poni quest’immagine di uomo tra i megaliti,
nella profondità delle ombre,
armato e al sicuro da sguardi curiosi.
Continuerò a camminare finché i miei piedi resisteranno
e le mie vene saranno prosciugate come un pozzo dei desideri.
Ho ancora uno scopo. Un obbiettivo da raggiungere,
ma è come vagare senza bussola, in giro alla ricerca di te.
L’infelicità è la nostra maledizione.
La disperazione è come affondare in acque basse, tra i megaliti.
Ho trovato boschi bruciati e sei chiodi arrugginiti
e in qualche modo sapevo esattamente cosa farne.
Dovevo costruire un monumento
per farci ricordare com’era quando eravamo in pace.

ANCHORED – ANCORATO

Nella vostra città morta
non c’è mai stata abbastanza luce per tutti noi.
Nella vostra città morta
la totale desolazione mi ha fatto desiderare di andarmene.
Nell’ignoto sento una febbre penetrare la mia mente.
Nell’ignoto è l’ultima volta che mi vedrete bruciare.
Lasciatemi affondare nella luce coi miei fantasmi!
Sono solo a poche miglia da casa.
Un fuoco arde nei miei occhi.
Sono più vicino alla salvezza e libero dal peso di tutti voi.
Innocenti bugie.
Un amore che non morirà mai.
Mi afferrerete quando cadrò?
Ho gli occhi rossi.
E’ una luce che non mi accecherà mai, finché ritroverò me stesso.
Non ricordo come mi sono sentito l’ultima volta che me ne sono andato.
Ero incapace di scendere a compromessi.
Ho chiuso la bocca e ho messo a tacere le grida.
Ho chiuso la bocca e ho sentito la febbre salire.
Ho gli occhi rossi.
E’ una luce che non accecherà mai.
Ho promesso di combattere, finché ritroverò me stesso.

THE KNIFE – IL COLTELLO

Cerchi di alzarti, ma non senti più i piedi.
Cerchi di sopravvivere, ma non hai più voglia di vivere.
Vorresti uscire e varcare quella porta,
ma sei troppo debole per cercare aiuto,
anche se sai che dovresti tentare.
Almeno un’altra volta.
Aspetti la fine o un cambiamento di direzione,
perché sai di essere pronto ad arraffare tutto quello che puoi.
Non hai combinato nulla. Sei emotivamente in pezzi.
Ti senti disgustato
quando scopri che anche il tuo migliore amico è un bugiardo.
Come lo siamo tutti.
Non è la prima volta che mi trovo in questa condizione
e non sarà l’ultima che prometterò di cambiare ogni cosa.
Un altro anno.
Un’altra stagione buttata via.
Sono sul bordo di una tomba aperta
e lascio che la vanga faccia il suo dovere.
Ho spremuto tutta la mia rabbia dentro una bara.
L’ho chiusa per bene e l’ho sepolta in profondità.
Ho represso tutto ciò che sapevate e ho dato luce ai cieli.
Ho strofinato la lama, finché mi sanguinavano le dita.
Si prega per la famiglia e per l’amore, ma alla fine non c’è nulla di sacro.
Le aureole si offuscano.
Non sarà l’ultima volta che sarò costretto a fare un passo
e non è la prima volta che prometto ogni cosa.
Un altro giro. Un’altra bottiglia vuota.
Sono sempre lo stesso ragazzo che prova a fare l’uomo.
Un’altra preghiera.
Un’altra promessa senza senso.
Sono sul bordo di una tomba aperta
e lascio che la vanga faccia il suo dovere.
Te ne stai a riversare menzogne sulla tomba di tuo padre
e lasci che la vanga faccia il suo dovere.

LONG WAY TO THE GRAVES – LA LUNGA STRADA VERSO IL CIMITERO

Quando non c’è più nulla da fare
e trovi finalmente un po’ di tempo per respirare,
sei sopraffatto dalla quiete
e i sensi sono concentrati su coloro che ami.
Ti terrò al sicuro ad ogni costo,
ma dovrai continuare a perseverare, finché tutto sarà perduto.
Non esiste nulla che possa dividerci.
Nessun movimento improvviso che possa scuotere il terreno.
Non c’è nessuno che possa renderti completa.
Hai preso la lunga strada verso il cimitero.
Una bugia potrebbe separarci.
Un solo sguardo potrebbe cambiare ogni cosa, persino il tuo cuore.
Questa fragile vita può essere persa in un istante.
Hai sofferto abbastanza! Ora rialzati!

Lascia un commento