Malina

BONNEVILLE* – BONNEVILLE        
        
Gocce di pioggia cadono su di me.        
Un tendaggio, chiuso per metà, offusca la luce.        
Sono come paralizzato e sono confuso.        
I crampi e il torpore mi accecano la vista.        
Sto sognando?        
La consapevolezza si attenua e diventa fredda e vuota.        
Tutto è vago.        
La consapevolezza si dissolve. E’ inconsistenze e prosciugata.        
Tutto è vago.        
Chiudo gli occhi lentamente.        
Cerco una scintilla di ambizione.        
E’ un ultimo tentativo di resistenza.        
La transizione. Sto andando alla deriva.        
Un suono di voci distanti tenta di raggiungermi.        
Mi arriva un suono di voci distanti, ma le parole sono inaridite.

Note:   *(Lago salato di epoca preistorica)       
        
STUCK – BLOCCATO        
        
Sono rinato grazie a sogni luminosi        
e una scintilla di speranza infantile.        
La gloria va cercata!        
Tento di puntare in alto senza la fune di sicurezza.        
La paura di voltarmi mi costringerà a crescere        
e ad arrivare al traguardo vivo?        
Solo il tempo lo dirà.         
Scalo lungo una via incerta, timoroso di ciò che potrei vedere.        
Scalare questo versante precario mi sta distruggendo.        
Sono bloccato su montagne di dubbio.        
Sono bloccato su montagne di apatia.        
La fine è vicina a ciò che cercavo.        
La meta si è trasformata in sogni a cui mi sono opposto.        
La mia immagine è cambiata silenziosamente.        
La via per tornare giù è diventata più ripida.        
Come posso stare lontano dall’autocommiserazione        
e rimettermi a dormire?        
Dove ho sbagliato?        
Come posso tornare a casa?        
Non sono così forte.        
        
FROM THE FLAME – DALLE FIAMME        
        
Mi troverai qui quando sarò morto.        
Nel luogo dove mi sono arreso. Dalle fiamme…        
Mi troverai qui quando sarò morto.        
Nel luogo dove mi sono arreso. Dalle fiamme prenderò la mira.        
Le finestre sono oscurate.        
Riuscirò ad allontanare questa scena dolorosa?        
Coprila! Nascondila allo sguardo!        
Versa una lacrima!        
Dì “basta”, fin quando potrai annunciare        
che i passi silenziosi non riecheggiano più.        
Lotto per resistere.        
Non posso vedere più di quello        
di cui mi sono accontentato.        
Cerco per essere trovato, quando tu non sei qui.        
Nessun riposo. Nessun aiuto.        
Questa è stata la mia ultima risorsa: sperare di essere cieco.        
Lasciami alle tue spalle!        
Mi troverai qui quando sarò morto.        
Nel luogo dove mi sono arreso. Dalle fiamme prenderò la mira.        
        
CAPTIVE – PRIGIONIERO        
        
Ho accettato le mie limitazioni,        
per approvare tutte le mie tentazioni.        
Mi sono affrancato dalla mia creazione,        
ma non ci può essere nulla di prezioso senza ossessione.        
La rifiuto e sono tenuto in catene.        
Volo via. Scappo distante.        
Questi legami mi tengono cosciente,        
mentre sto cercando più lontano.        
La concentrazione mi tiene prigioniero,        
così non mi perderò.        
Con le catene sulla schiena, volo via.        
        
ILLUMINATE – ILLUMINA        
        
La tua strada è lastricata, ma ancora dipinta di nero.        
Celata dalla notte, resterà occultata fino all’alba.        
Resterà nascosta alla luce.        
Quando la notte ti terrà prigioniera, prendi la mia torcia!        
Illumina! Il tuo Dio potrebbe non sorgere.        
Dai luce alla tua strada!        
Illumina! Nessun bagliore colpirà i tuoi occhi.        
Ritrova il chiarore del giorno!        
Sei plasmata dalla marea, là dove si trova il tuo rifugio.        
Essa ricopre il tuo sentiero e lo rende invisibile.        
Il fuoco lentamente si estingue.        
Non puoi interrompere il tuo pianto,        
mascherato dalla rabbia e reso invisibile.        
Stai aspettando qualcuno,        
ma abbi il coraggio di vedere        
che le ombre sul tuo cammino ti condurranno fino a me.        
        
LEASHES – GUINZAGLI        
        
Trattieni il tuo ultimo respiro,        
prima di trasformarti in pietra!        
Scordati di combattere!        
Crollerai, finché la pressione durerà.        
Procederai dopo che la tempesta passerà.        
Non c’è una salvezza da trovare.        
Non mi trattenere più!        
Il fiore appassito, morto nella terra, si sta riprendendo.        
Osservo da lontano, testimone della disgregazione        
e cerco di afferrare la tua mano.        
Non c’è una salvezza da trovare.        
Non mi trattenere più!        
Non c’è salvezza. E’ oltre la portata delle mie ali.        
        
MIRAGE – MIRAGGIO        
        
Unisciti a me! Voleremo sulle ali di qualcun altro        
e arriveremo dove tutti sono uno.        
La leggeremo oltre il cielo.        
E’ scritta nero su bianco la verità che accompagna chi ci guida.        
Sono echi dello stesso, vecchio salmo.        
Canta con me in sincronia!        
Unisciti a me! Voleremo sulle ali di qualcun altro.        
Ho cercato di evadere dalla gabbia per tanto tempo.        
Ho trovato la mia strada quando pensavo di essere in errore.        
Resta vicino a me!        
Ti mostrerò tutto quello che ti serve vedere.        
Chiudi gli occhi! Fidati di me!        
Sarò la tua guida, ciecamente.        
Unisciti a me! Sarò la tua guida.        
        
MALINA* – MALINA        
        
Il suono di un vecchio orologio arrugginito.        
Finestre rotte. Porte che cigolano.        
Una fredda brezza s’intrufola sotto la coperta.        
Ho capito che non c’è via d’uscita.        
Ogni giorno s’invecchia.        
Ho capito che non c’è un posto dove nascondersi.        
Ogni giorno ci si muove più lentamente.        
Il respiro è ancora pesante.        
Mi alzo, indolenzito e dolorante.        
Afferro il cestino sulla soglia del collasso,        
ma ancora tengo duro.        
Resisterò un altro giorno.        
Resisterò un’altra notte.        
Lo sguardo arrogante. I commenti ostili.        
Non c’è altra scelta. 

Note:   *(Dea del sole per gli Inuit)      
        
COMA – COMA        
        
Capisco che non c’è via d’uscita.        
Sono giorni di cui non so fare a meno.        
L’unica soluzione per ottenere qualcosa        
è restare nascosto dalle grida silenziose.        
Sento il calore. Non c’è modo di indietreggiare.        
Percepisco lo stato di coma.        
I ricordi sono là per essere trovati,        
come immagini corrotte nella tua mente.        
Una favola. La speranza che si consuma.        
Un desiderio sporco, incapace di dirigere una cometa nel fuoco.        
Sento il calore. Non c’è modo di indietreggiare.        
Percepisco lo stato di coma.        
        
THE WEIGHT OF DISASTER – IL PESO DEL DISASTRO        
        
E’ sacro e generato da tutto quell’odio.        
E’ accecato dal cambiamento della marea.        
E’ inflessibile, mentre la massa si nasconde.        
E’ filtrato, oscuro e da tempo sbiadito.        
Gli spiriti fluttuano uno dopo l’altro        
e affondano, finché non ne resterà nessuno.        
Pregate il padrone!        
Traditelo o venite rimpiazzati!        
Il peso del disastro li abbandona tutti alla distruzione.        
Disperazione.        
Meglio prendere il largo in un mare in tempesta, soli contro l’umanità!        
C’è una torbida confusione.        
Le necessità ora sono scritte nella storia.        
E’ un paradigma. Un sigillo spezzato.        
Pregate il padrone!        
Traditelo o venite rimpiazzati!        
Il peso del disastro li abbandona tutti alla distruzione.        
Apprensione. Una tensione liquida.        
Più di quanto non sia mai successo,        
liberatelo dagli abissi una volta ancora!        
        
THE LAST MILESTONE – L’ULTIMA PIETRA MILIARE        
        
Un cuore in dissoluzione.        
La sconfitta sta prendendo forma        
e sta arrivando al punto cruciale.        
Un richiamo disperato.        
E’ più vicina. Sta per cadere.        
E’ imminente.        
L’ultima pietra miliare si avvicina. E’ qui!        
Isolata, danza il suo ultimo ballo.        
E’ più vicina. E’ molto al di là.        
L’ultima pietra miliare raggiunge l’ultimo piano.        
        

Lascia un commento