Duality

RINGS OF SATURN – GLI ANELLI DI SATURNO 

Svegliati!
Stai cadendo dal cielo.
Riaccendi il fuoco nei tuoi occhi!
Anche se la tempesta di sicuro si scatenerà
terremo i nostri cuori saldi per quanto possibile.
Ci nasconderemo dal tuono
quando tutto tremerà.
Mi farà a pezzi.
Ci distruggerà.
Scappando dal presente,
costruito sulle nostre bugie,
vorremmo non essere mai stati vincolati al nostro orgoglio.
Non crederò mai che desideriamo capire.
Non crederò mai che vogliamo essere liberi. 
Non saremo mai liberi,
se resteremo così codardi e falsi.
Stufi e stanchi di tutto,
della paura e delle menzogne, ci nascondiamo
e quando soccomberemo
saremo liberi di essere cibo per i leoni.
Anche se la tempesta di sicuro si scatenerà
terremo i nostri cuori saldi per quanto possibile.
(Le parole sono così vaghe e fredde)
e non facciamo che rivendicare nella nostra amara condizione.
(Non facciamo che chiedere cosa ci spetta).
Sarà paura o forza?
(Giuriamo sul nostro sangue)
e promettiamo che ciò che è vero sarà anche giusto,
(ma poi infrangiamo i nostri voti)
e diamo il mondo alle fiamme.
La benedizione promessa.
La vedremo mai?
Siamo causa di afflizione, piegati sulle ginocchia.
Il peso delle nostre parole è scarso e leggero
e cade come gocce da un cielo appassito.
Ci nascondiamo, celati nei nostri travestimenti
e fingiamo di avere ampie vedute,
mettendo da parte la verità.
Tradiamo le nostre promesse
e le parole che abbiamo scritto
si frammentano come gli anelli di Saturno.
Stanotte si frantumano sotto il peso delle nostre bugie.
Tradiamo le nostre promesse
e le parole che abbiamo scritto
si frammentano come gli anelli di Saturno.
Stanotte non capiremo ciò che ci siamo lasciati alle spalle.

THE UNINVITED – NON INVITATO

Sei colui che ci controlla
quando siamo indecisi.
Dimori nel fondo della mente,
in ogni essere vivente
e la maggior parte della gente non saprà mai
quanto sia grande la parte di loro rappresentata da te.
Cazzo, voglio farti sapere proprio ora
che ho seguito il tuo piano.
“Avanti! Lasciami entrare nella tua mente!
Il tuo passato riecheggerà nella mia perfetta riprogettazione”.
“Lo senti negli occhi e nella mente
che sei sul punto di implodere?
Verrai dilaniato dall’interno
e sbriciolato da una malvagità infernale”.
“Il Non Invitato ti farà da guida.
Ricorda che la linea di guerra tra il bene e il male
corre lungo il cuore di ogni uomo!”
Viene da un altro mondo
e ci sta spingendo dentro la sua tana.

RISE – SORGERE

Ogni singolo giorno sei lontana
e stravolgi la mia mente.
Sono ossessionato dal tuo viso e dalla tua grazia.
Dai progetti e dai sogni che ci siamo lasciati alle spalle.
Ho sprecato il mio tempo.
Ero cieco e desideravo che fossi qui con me.
Sono stato trattato male, 
ma non rinuncerò. Mi rifiuto.
Non sono nato per arrendermi, 
ma per essere libero.
Tu!
(Alzati! Forza! Sollevati!)
Siamo pronti a salpare
attraverso la tempesta che conduce alla luce del sole.
Avevamo tutto,
ma ora non c’è più.
Eppure sorgerò di nuovo. Sì!
Sto provando a dimenticare.
A ricominciare da capo.
Che le ferite sulla mia anima si cancellino!
Sono pronto ad eliminarle. Ad annullarle.
A incenerirle e andare oltre.

PARADIGM OF DECEIT – PARADIGMA DELL’INGANNO

Mi disse di andarmene.
Di raccogliere le mie cose
e sloggiare entro il mattino.
Di non guardarmi mai indietro
e di non chiedere mai cosa fosse andato storto.
Non c’era nulla da spiegare
e nessuna indicazione su cosa avessi fatto.
Non capisco.
Mi aveva detto che mi avrebbe amato per sempre.
Senza di lei non sono l’uomo che avrei voluto essere.
Sono cresciuto grazie ai sogni che condividevamo
e andrò in pezzi se non vedrò più
i suoi begli occhi nella luce del mattino.
Mi sfracellerò al suolo.
Mi aveva detto che ero tutto ciò che desiderava nella vita,
ma improvvisamente cambiò idea
e non mi disse mai il perché.
Cerco di essere forte, 
ma non posso più tenerlo nascosto.
Il dolore nel mio cuore è più intenso
di qualunque cosa mai provata.
Mi sto perdendo
e sto diventando il più piccolo tra gli esseri viventi.
Lei è sulla soglia.
Pronuncia i suoi addii e alza gli occhi al cielo.
Coricato, resto sveglio
e sento la sua presenza tutto il tempo.
Non posso scappare, 
né arrendermi al paradigma dell’inganno.

ALL FOR YOU – TUTTO A VOSTRA DISPOSIZIONE

Vedo una terra devastata alle vostre spalle
e so quanto stiamo sprecando.
A furia di vantarvi di tutto ciò che distruggete
state andando in rovina.
Ma avete mai riflettuto a proposito della nostra origine?
Avete mai pensato a cosa sono destinati i nostri cuori?
Oh, tutto è a vostra disposizione
e delle cose che fate.
Riponete la vostra fiducia nel denaro
e seppellite tutto ciò che vi è possibile.
Ma ditemi! Quando dormite vi sentite liberi
o provate soltanto disperazione?
E’ perché non avete mai pensato a ciò che c’era prima
e a ciò che seguirà adesso.
Volete restare giovani.
Volete darne testimonianza.
E’ meglio se vi tagliate la lingua
ed è meglio se lo dimostrate.
Tutto comincia qui.
State gettando via tutto senza paura.

UNTAMED – INDOMITI

Perché la paura non ci conquisterà mai.
Non ci farà arrendere, né ci spezzerà.
Non ci ridimensionerà, nè ci farà adattare,
anche se tenteranno di costringerci.
Ci stordiranno
e ci faranno ingoiare le bugie che hanno creato,
ma non ci faremo schiacciare
e le nostre voci non verranno imbrigliate.
Piove e so che siamo stanchi,
ma cominceremo a darci da fare.
La nostra fiamma non può essere contenuta.
Non rassegnatevi!
Stanotte innalzate la luce nel cielo!
Sappiate che staremo bene
e manterremo viva la speranza,
finché non vedremo il bagliore del mattino.
E’ l’egoismo con cui cercano di intrappolarci,
attraverso l’amore per i nostri desideri.
Ci vendono traumi e prescrizioni mediche
per tenerci sottomessi.
Ma noi sogniamo un’alba nuova!
Gli scenari sono allestiti.
Radete tutto al suolo!
Non ci faremo schiacciare!
La nostra furia sarà perpetua.
E’ buio là fuori e so che siamo stanchi,
ma il nostro fuoco non verrà mai spento.
Proclameremo un nuovo mondo
e la più piccola scintilla lo reclamerà.
Stanotte innalzate la luce nel cielo!
Sappiate che staremo bene,
risoluti e raggianti.
Puntiamo a qualcosa di più alto.
Innalzate la vostra luce!
Fatela fendere la notte fredda e buia!
Incendiate la vostra anima
e mantenete viva la speranza,
finché non vedremo il bagliore del mattino!
Resisteremo e il mondo sarà sconfitto.
Non vi permetteremo di cambiare il nostro modo di essere.
Ci solleveremo e conteremo i vostri giorni.
Il mattino libererà gli indomiti.

CONDEMNED – CONDANNATO

Riemergo da un sogno tormentato
e ho bisogno d’aria, paralizzato sul pavimento.
Cerco di allungarmi nel buio che mi circonda.
Urlare non mi aiuterebbe a scappare.
“Sii paziente! Presto vedrai il mio volto”.
“Ascolta il suono della mia rovina,
che gocciola ricolma di paura nelle stanze del condannato,
dove nessuno sopravvive!
Sei condannato”.
Premo l’interruttore della luce sul muro
e mi ritrovo prigioniero in una camera di vetro.
Sono in pezzi, sconvolto e confuso.
Le preghiere oggi non mi aiuteranno.
“Ti farò desiderare di non essere mai nato”.
Qualcosa entra nella stanza dove sono riverso.
E’ reale o sono diventato pazzo?
Non riesco a smettere di ridere,
ma non ti perdonerò mai per le cose che hai fatto.
“Ora resisti! Andrò a scoprire il mio giocattolo preferito”.
“Ascolta il suono della mia rovina,
che gocciola ricolma di paura nelle stanze del condannato,
dove mi prenderò la tua vita!”

BED OF NAILS – LETTO DI CHIODI

Dove sei?
Sei sparita da un milione di anni
e la gente dice che sto inseguendo un fantasma.
Attraverso le fiamme sono caduto 
nell’abbraccio delle ceneri.
Che cosa ho fatto?
Lei era l’eletta.
Sarò mai forte abbastanza?
(Una scarica di bugie).
La mia anima è spezzata in due.
Ho rinunciato a tutto per essere
il meglio per me e per te,
ma da qualche parte ho smarrito la consapevolezza
e mi sono dimenticato di tutti,
tranne che di me stesso.
Vedo il suo viso.
E’ ovunque io guardi.
Sento la sua voce fin dall’alba di ogni giorno.
(Non si scappa).
Echi riverberano nella mia mente
e non so cosa fare.
Fuggire non posso.
Mantengo vivo il dolore.
Per così tanto tempo mi ha corrotto,
(prosciugandomi la vita)
e la mia anima è spezzata in due.
Ho rinunciato a tutto per essere
il meglio per te e per me,
ma da qualche parte ho soffocato le tue emozioni
quando mi sono spinto troppo lontano.
(Lontano).
Ho rinunciato a tutto per essere
vivo in questa disperazione.
Sono stato dimenticato,
incatenato a un agonizzante letto di chiodi
su cui nessuno può restare vivo.

WASHED AWAY – LAVATO VIA

Ehi, tu! 
Penso sia il momento di lasciare perdere
e di tagliare le corde che ti tarpano le ali
e di strappare le cuciture.
Man mano che passa il tempo tutti ci arrendiamo
alle bugie a cui ci aggrappiamo.
Guarda come si trasformano in te!
Riflettici!
Non sarà mai troppo tardi
e non sarai solo.
Quando la tua testa é sott’acqua 
ed ha il sonno pesante
è simile alle onde che s’infrangono sul tuo cuore.
Ho aspettato tutta la vita.
Ho atteso un segno
per cadere dal cielo o salire verso di esso.
Non saprò mai se ci ho provato davvero.
O salgo per miglia sopra il mare
o le acque mi sommergeranno,
anche se, sapendo ciò che potrei essere,
nessun’onda oserà afferrarmi.
Resta e non lasciare che ti lavi via!
Liberati dall’influenza della corrente!
Scendi in cascate!
Lo capirai quando ti troverai al limite
e lo proverai.
Lascia al vento ogni prudenza 
e allora anche tu percepirai le onde
che s’infrangono sul tuo cuore
e ti librerai nel cielo!
Non esiste onda capace di spezzarmi.
Ho aspettato tutta la vita.
Ho atteso il momento
di salire e volare verso il cielo.
Non saprò mai se ci ho provato davvero.
Mi sono elevato in sogni indicibili
e ho desiderato conoscere il significato dell’impossibile.
Sapendo ciò che potrei essere,
la paura e la sofferenza non mi inghiottiranno.

TEMPEST – TEMPESTA

Sentiamo la furia del mare burrascoso.
Oh, e viaggiamo lontani da casa.
Il coraggio non può essere eguagliato dalla paura,
mentre gli abissi mi seducono.
Mi attirano giù e io discendo,
per respirare o affogare.
Pronunciate il mio nome, onde dell’oceano!
Con un’eleganza fatale si formano nella notte.
Troveremo un faro nella tempesta?
La bufera ha la sua bellezza.
Il suo alito funesto è una sentenza di morte.
E quelli per cui piangiamo 
nella spaventosa pace dell’abisso,
mi attirano giù e io discendo,
per non essere mai più ritrovato.
Il mare aperto ricambia il mio sguardo.
E’ tutto ciò che riesco a vedere.
Un uomo solitario contro le acque
che cala l’ancora per trovare la libertà.
Con terrore e rispetto capirai
che nessuno può comandarmi o dominarmi.
Mi trascina nell’abisso.
Pronuncia il mio nome!
Dimmi che anche tu ti senti così!
Una luce presto spunterà nella notte,
mentre cerchiamo il faro nella tempesta.
Il mare aperto mi paralizza,
ma mi renderà libero.

DON’T SAY GOODBYE – NON DIRE ADDIO

Si trovava sul ponte, 
in un silenzio pieno di paura,
ossessionata dal vuoto che l’aveva condotta lì.
Il suo cuore era spaventato da loro.
Le avevano spezzato l’anima
e l’avevano messa in disparte.
Tradita. Impaurita. Invisibile,
ma non abbastanza da nascondersi.
Combattili!
Non lasciare che vincano!
Torna a casa! Non ti arrendere!
So che è difficile scorgere la luce.
Non rinunciare!
Stanotte non dire addio!
Essi sono sempre nella sua mente
e cercano di trascinarla in basso.
Si celano nelle ombre, senza emettere un suono.
Le hanno rubato i sogni 
e li hanno distrutti davanti ai suoi occhi.
Sei condannato e precipiti
quando sai che il tuo cuore è infranto.

Lascia un commento